• Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia

Diventare Naturopata: percorso di vita, professione di aiuto

Diventare Naturopata: percorso di vita, professione di aiuto

Il rapporto con la natura che la società moderna ha intrapreso negli ultimi decenni si è dimostrato particolarmente controverso. Dopo una sorta di esaltazione collettiva che ci ha visto allontanare sempre di più da un vivere dentro o almeno accanto alla natura- pensiamo solo alla concentrazione abnorme nei centri urbani, allo spopolamento  delle campagne e delle zone montane, all’inquinamento progressivo dovuto ai prodotti al consumo dei combustibili fossili e all’uso indiscriminato della chimica- stiamo riprendendo, con fatica sul piano pratico, ma con una certa determinazione sul piano progettuale ed ideale, un rapporto più sano ed equilibrato con la natura.

Ce ne possiamo accorgere da tanti piccoli ma significativi gesti che ci accompagano nel quotidiano: spegniamo la luce qundo non serve, rinunciamo all’auto se possiamo spostarci con i mezzi pubblici o, meglio ancora, a piedi, facciamo la raccolta differenziata, frequentiamo con una certa assiduità le isole ecologiche….

Già…tutto questo riguardo il mondo esterno ma cosa succede a livello personale, come cerchiamo di migliorare la nostra natura interna ovvero il  nostro stato di salute?

Cosa proviamo quando sentiamo il nostro corpo-mente sempre più intossicato dall’ambiente là fuori, come proviamo a reagire dall’assedio degli agenti chimici che la nostra società ha creato ma nei quali ora si riconosce sempre meno?

Anche in questo senso stiamo cambiando abitudini: prendiamo molto meno – e con difficoltà- gli antibiotici e, in generale, tutti i medicinali di sintesi e i medici, in generale, si stanno adeguando a queste nuove sensibilità. D’altra parte l’omeopatia, per quanto si cerchi di sconfessarla attraverso campagne fin troppo aggressive, trova sempre più seguito; crescono i consumi di fitoterapici, anche in virtù di un  doppio binomio comune a cui occorrerebbe prestare più attenzione, che afferma erba= natura e natura =  star bene.

E ancora: cerchiamo di stare un po’ di più all’aperto, magari in un ambiente in cui l’aria è più pulita, pratichiamo yoga, rilassamento, ginnastiche dolci, meditazione…. Insomma si fa sempre più forte il richiamo verso uno “stile di vita” più consono a mantenere un rapporto di equilibrio con la natura, includendo in essa- e finalmente- anche il nostro spazio interiore.

Ed a questo punto che possiamo fare un ulteriore passo davvero importante e che può cambiare radicalmente la nostra vita, se sentiamo forte questa esigenza. Solo se forte, dentro di  noi, è il richiamo verso un percorso impegnativo di studio,  che poi diventa una professione centrata sul rapporto costante di aiuto degli altri,un rapporto che si basi  prima di tutto sulla fiducia e sull’ascolto di chi ha bisogno. Una professione che dia una possibilità reale  di aiutare, con una vastissima gamma di metodiche e di mezzi efficaci e non invasivi, chi si rivolge a noi per risolvere i suoi disagi.

La Scuola di Naturopatia online

Ed è in questo contesto, con queste premesse che, da più di un decennio,è nata la nostra Scuola di naturopatia, coagulando persone con solide competenze molto diversificate, ma tutte animate da una stessa passione: costruire una scuola capace di promuovere e diffondere la cultura delle scienze della natura attraverso la quale migliorare il nostro stile di vita e quello degli altri, promuovendo conoscenze ed impegno personale che favoriscano vie di guarigione che partono da noi stessi.

L’approccio fondativo della nostra scuola è stato allora quello di coniugare i risultati attuali della ricerca scientifica con svariate tecniche e metodiche basate su risorse naturali, provenienti dalle antiche tradizioni, riscoperte ed integrate con le teorie scientifiche più recenti.

Questa è, in estrema sintesi, FRAMENS, la nostra Scuola di Naturopatia interamente online, percorso di vita prima  che professionale.

Dove ci si può iscrivere ogni giorno dell’anno, dove si può studiare in ogni ora del giorno, dove è richiesto un impegno serio ma dove,in ogni momento si è seguiti, con attenzione e cura, da persone preparate e competenti che hanno fatto di questa professione un impegno importante per la  vita.

DIVENTARE NATUROPATA: Percorso di vita, professione di aiuto

Il rapporto con la natura che la società moderna ha intrapreso negli ultimi decenni si è dimostrato particolarmente controverso. Dopo una sorta di esaltazione collettiva che ci ha visto allontanare sempre di più da un vivere dentro o almeno accanto alla natura- pensiamo solo alla concentrazione abnorme nei centri urbani, allo spopolamento  delle campagne e delle zone montane, all’inquinamento progressivo dovuto ai prodotti al consumo dei combustibili fossili e all’uso indiscriminato della chimica- stiamo riprendendo, con fatica sul piano pratico, ma con una certa determinazione sul piano progettuale ed ideale, un rapporto più sano ed equilibrato con la natura.

Ce ne possiamo accorgere da tanti piccoli ma significativi gesti che ci accompagano nel quotidiano: spegniamo la luce qundo non serve, rinunciamo all’auto se possiamo spostarci con i mezzi pubblici o, meglio ancora, a piedi, facciamo la raccolta differenziata, frequentiamo con una certa assiduità le isole ecologiche….

Già…tutto questo riguardo il mondo esterno ma cosa succede a livello personale, come cerchiamo di migliorare la nostra natura interna ovvero il  nostro stato di salute?

Cosa proviamo quando sentiamo il nostro corpo-mente sempre più intossicato dall’ambiente là fuori, come proviamo a reagire dall’assedio degli agenti chimici che la nostra società ha creato ma nei quali ora si riconosce sempre meno?

Anche in questo senso stiamo cambiando abitudini: prendiamo molto meno – e con difficoltà- gli antibiotici e, in generale, tutti i medicinali di sintesi e i medici, in generale, si stanno adeguando a queste nuove sensibilità. D’altra parte l’omeopatia, per quanto si cerchi di sconfessarla attraverso campagne fin troppo aggressive, trova sempre più seguito; crescono i consumi di fitoterapici, anche in virtù di un  doppio binomio comune a cui occorrerebbe prestare più attenzione, che afferma erba= natura e natura=  star bene.

E ancora: cerchiamo di stare un po’ di più all’aperto, magari in un ambiente in cui l’aria è più pulita,pratichiamo yoga, rilassamento, ginnastiche dolci, meditazione…. Insomma si fa sempre più forte il richiamo verso uno “stile di vita” più consono a mantenere un rapporto di equilibrio con la natura, includendo in essa- e finalmente- anche il nostro spazio interiore.

Ed a questo punto che possiamo fare un ulteriore passo davvero importante e che può cambiare radicalmente la nostra vita, se sentiamo forte questa esigenza. Solo se forte, dentro di  noi, è il richiamo verso un percorso impegnativo di studio,  che poi diventa una professione centrata sul rapporto costante di aiuto degli altri,un rapporto che si basi  prima di tutto sulla fiducia e sull’ascolto di chi ha bisogno. Una professione che dia una possibilità reale  di aiutare, con una vastissima gamma di metodiche e di mezzi efficaci e non invasivi, chi si rivolge a noi per risolvere i suoi disagi.

Ed è in questo contesto, con queste premesse che, da più di un decennio, è nata la nostra Scuola di Naturopatia, coagulando persone con solide competenze molto diversificate, ma tutte animate da una stessa passione: costruire una scuola capace di promuovere e diffondere la cultura delle scienze della natura attraverso la quale migliorare il nostro stile di vita e quello degli altri, promuovendo conoscenze ed impegno personale che favoriscano vie di guarigione che partono da noi stessi.

L’approccio fondativo della nostra scuola è stato allora quello di coniugare i risultati attuali della ricerca scientifica con svariate tecniche e metodiche basate su risorse naturali, provenienti dalle antiche tradizioni, riscoperte ed integrate con le teorie scientifiche più recenti.

Questa è, in estrema sintesi, FRAMENS, la nostra Scuola di Naturopatia interamente online, percorso di vita prima  che professionale.

Dove ci si può iscrivere ogni giorno dell’anno, dove si può studiare in ogni ora del giorno, dove è richiesto un impegno serio ma dove,in ogni momento si è seguiti, con attenzione e cura, da persone preparate e competenti che hanno fatto di questa professione un impegno importante per la vita.

 

Prof. Luciano D’Abramo

 


Approfondisci e Contattaci senza impegno per informazioni

Corsi di Specializzazione in Naturopatia: le Brochures FRAMENS

I Corsi di Specializzazione e i Tirocini

I Corsi di Specializzazione e i Tirocini Specializzazioni Le Specializzazioni sono prevalentemente online, sempre comunque con conclusione personalizzata in aula, ...
Leggi Tutto

Il Corso Triennale di Naturopatia

Il Corso Triennale di Naturopatia Il Corso di Naturopatia del Campus fino al 2007 era fruibile sia in Aula che ...
Leggi Tutto
Corsi di Specializzazione in Naturopatia: le Brochures FRAMENS

Corsi di Specializzazione in Naturopatia: le Brochures FRAMENS

Corsi di Specializzazione in Naturopatia: le Brochures FRAMENS Un gran numero di Corsi di Specializzazione in Naturopatia e Discipline Olistiche ...
Leggi Tutto

Il Naturopata e la Naturopatia

Il Naturopata e la Naturopatia Diventare Naturopata, conseguire il Diploma di Naturopatia, scegliere un Corso Triennale, orientarsi su un Piano ...
Leggi Tutto
Read More

Anno Accademico 2014/2015: Equilibrio Acido-Basico

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Equilibrio Acido-Basico

L’importanza di acqua, alimentazione, depurazione, drenaggio e vitamine


Anno Accademico 2014/2015

Relatore: Prof. Claudio Biagi – Candidata: Bozena Soltys


ABSTRACT

Ho trovato l’ ispirazione per questa mia Tesi da un semplice percorso della mia vita e di quella degli altri.

Viviamo in una società profondamente condizionata dal Marketing delle grandi industrie: la pubblicità, sia visiva che sonora, ci perseguita dovunque andiamo. La nostra attenzione viene costantemente attratta da una miriade di cose più o meno importanti così che, spesso, il NOSTRO CORPO e la NOSTRA SALUTE finiscono all’ultimo posto nell’elenco delle nostre priorità. La verità però è che senza la salute nulla ha importanza.

Il periodo storico in cui stiamo vivendo ci invita sempre di più a dover cambiare diversi aspetti della nostra vita come alimentazione, abitudini, modo di pensare e sentire, proprio stile di vita.

Credo profondamente che godere di una buona salute sia un NOSTRO DIRITTO ! Per questo dobbiamo prendere coscienza e consapevolezza di noi stessi.

In questa prospettiva, un operatore come il Naturopata può diventare una figura importantissima.

 

Anno Accademico 2015/2016: la Musicoterapia attraversa l’Uomo

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

La Musicoterapia attraversa l’Uomo

Connessioni nella morfologia dei diversi strumenti e gli organi umani, mediante l’analisi di brani classici e contemporanei


Anno Accademico 2015/2016

Relatore: D.ssa Maria Dominica Chierichetti – Candidata: Francesca Romana Belli


ABSTRACT


La musicoterapia si avvale di tecnologie sonore, in cui la musica viene utilizzata a scopi terapeutici e di profilassi per molteplici problemi patologici sia in ambito psico-fisico che comportamentale.

Anche se l’OMS, per ora, non la considera tra le discipline ufficiali terapeutiche, tuttavia è innegabile che lo studio della musicoterapia sia andato avanti tanto da avere dei ferventi sostenitori in alcuni paesi europei e americani.

In molte università e in molti ospedali si stanno sviluppando ricerche cliniche volte a confermare l’utilità delle tecniche legate alla musicoterapia. Risultati positivi si sono registrati nei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, da alcune forme di autismo, dalla ipertensione e nelle difficoltà provocate da handicap e da disturbi della psico-motricità, nei deficit di apprendimento e di coordinamento, per non tralasciare le patologie psichiche (ansia, depressione, attacchi di panico…) e cardiovascolari.

Anche se non si tratta di una cura vera e propria, l’ascolto di una melodia può però incidere notevolmente su alcuni sintomi.

Il potere della musica è, a dir poco, infinito. Ci rallegra, accompagna i momenti più belli della nostra vita, ci culla nei ricordi, allevia le nostre sofferenze quando siamo giù di morale. Ascoltare una canzone, per quanto semplice e banale possa sembrare, è un’azione, praticamente quotidiana, che fa parte delle giornate di tutti noi.

 

Anno Accademico 2013/2014: il Naturopata Olistico

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Il Naturopata Olistico

 

 


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Luigi Piccolo – Candidata: Luana Di Francesco


ABSTRACT


Questo mio lavoro inizia introducendo la tematica relativa ai quattro corpi che il bravo Naturopata deve tenere in considerazione se vuole davvero aiutare il paziente. Segue poi una breve argomentazione dell’alimentazione e della sua importanza per evitare di incorrere in patologie oggi molto diffuse come le intolleranze alimentari e le allergie. Una breve panoramica poi viene fatta circa i metodi diagnostici a disposizione del Naturopata per rilevare le intolleranze alimentari. In tutto questo, viene anche considerata la postura che se scorretta può dar luogo a vari disturbi, le emozioni e l’autostima.


Un piccolo approfondimento sulla ginnastica propriocettiva, rende l’idea dell’importanza di un certo tipo di attività fisica non solo per la cura ma anche per la prevenzione.


Il II Capitolo ha come tema centrale l’energia, i pensieri, le emozioni e le varie pratiche mediche, da Couè sino a Patch Adams.


Nel III Capitolo viene portato ad esempio il caso dell’atleta olimpionico e da questo vengono trattate le malattie karmatiche, i mezzi per affrontarle e le malattie dovute a cause spirituali. Successivamente viene affrontato il tema delicato delle sppa – personalità psicoattive.


Nel V Capitolo, partendo da un caso di scoliosi viene affrontata l’importanza della ginnastica posturale come metodo di prevenzione e cura. Infine, seguono la storia della Riflessologia attraverso la quale si può agire sugli organi interni e il Reiki come metodo per lavorare sull’energia della persona.


Ho scelto queste argomentazioni poiché lavorando, rappresentano per me pane quotidiano e infatti, non a caso, riporto esempi pratici dovuti alla mia personale esperienza.


Svolgo con passione questo lavoro e se da un lato devo scontrarmi con lo scetticismo di alcune persone, dall’altro, grazie ai risultati ottenuti sui miei pazienti, ricevo manifestazioni di affetto e gratitudine per il lavoro svolto.


Tutto questo, mi spinge ad andare sempre oltre, a cercare, a perfezionare il mio metodo, ad essere sempre aggiornata e aperta alle novità poiché io credo in quello che faccio, e questo è molto importante.

 

Anno Accademico 2014/2015: la Casa del Benessere

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

La Casa del Benessere

Metodiche coerenti e sinergiche e materiali biocompatibili per realizzare un’abitazione sana


Anno Accademico 2014/2015

Relatore: Luigi Piccolo – Candidata: Anna Bile


ABSTRACT


Questa tesi si rivolge a coloro che, dovendo costruire o ristrutturare la propria casa o anche solo dovendo arredare un appartamento, desiderano realizzare uno spazio piacevole, sano, che non danneggi la salute e, anzi, aiuti a stare sempre meglio.


Da qualche anno l’attenzione verso l’ambiente e lo sviluppo dell’ecologia han­no portato a una nuova coscienza del benessere quotidiano. Ci si è accorti che uno degli elementi che maggiormente influiscono sulla salute fisica e mentale è il nostro ambiente, quello più immediato, gli spazi che più frequentiamo e nei quali passiamo la maggior parte del tempo: la casa, l’ufficio, ecc.


Nei nostri luoghi la qualità di vita è solitamente scarsa: l’illuminazione, l’aria che respiriamo, i materiali con cui veniamo a contatto, i suoni, i colori, la for­ma stessa dello spazio creano spesso ambienti nocivi che raramente rispetta­no le nostre esigenze più elementari e basilari.


Nel resto d’Europa già da molti anni si fanno ricerche che in Italia hanno pre­so il nome di bioarchitettura o di architettura ecologica e, strumenti alla ma­no, hanno dimostrato che il nostro attuale modo di abitare e le nostre stesse case, per come sono costruite, sono spesso causa di disturbi e di malesseri che non hanno apparenti ragioni ma cause che si nascondono, letteralmente, fra i muri.


Nella casa, complice il nostro attuale sistema di vita, si creano microclimi a volte molto lontani dalle caratteristiche biologiche di cui avremmo bisogno. Una maggiore consapevolezza del nostro spazio può portarci a un nuovo sta­to di armonia e salute.


Questa tesi tocca tutti i temi principali dell’abitare naturale e sano; è un valido ag­giornamento e promemoria per chi già conosce gli argomenti e anche il medico attento vi potrà trovare un aiuto per le sue diagnosi. Il lavoro è suddiviso in due parti: una prima parte introduttiva è di analisi del concetto di casa “malata” , una seconda parte più pratica e descrittiva di alcune metodiche e materiali per realizzare invece la casa “sana”.

 

Anno Accademico 2014/2015: Alimentazione e Stili di Vita

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Alimentazione e Stili di Vita

 


Anno Accademico 2014/2015

Relatore: Prof. Claudio Biagi

Candidata: Raffaella Felice


ABSTRACT


Nel presente lavoro, considerata la vastità dell’argomento, ho pensato di mettere in risalto i diversi fattori che agiscono sul comportamento alimentare. In seguito ho messo in evidenza la relazione esistente tra l’alimentazione, il sistema immunitario e il sistema nervoso.


Successivamente ho esaminato le patologie derivanti da una cattiva alimentazione e gli effetti della stessa sulla salute degli individui: a tal proposito mi è sembrato opportuno riportare il modello dietetico elaborato dal Prof. Alberto Fidanza “La Dieta Salutare”.


In un ultima analisi ho esaminato le relazioni esistenti tra l’alimentazione con il sistema tegumentario.

 

Anno Accademico 2016/2017: Anatomia energetica

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Anatomia Energetica

Il corpo sottile nella tradizione antica e contemporanea


Anno Accademico 2016/2017

Relatore: Prof. Luciano D’Abramo

Candidata: Monia Carducci


ABSTRACT


Lo studio svolto in questa tesi approfondisce – con particolare riferimento ad eventi che hanno segnato la storia e l’evoluzione della medicina nelle antiche tradizioni- la realtà dell’aspetto energetico presente nel mondo del vivente, responsabile in ultima analisi del benessere dell’unità corpo-mente. La presenza delle cosiddette “energie sottili”, non ancora pienamente accettata secondo i canoni adottati dalla medicina ufficiale, è suffragata da recenti teorie scientifiche che ho esposto in modo sintetico in questa tesi, teorie suffragate da numerose prove sperimentali che stentano però ad essere recepite dalle sue strutture di vertice fortemente ancorate ad una visione riduzionista e meccanicista della vita e della salute.


La cura ed il ristabilimento dalla malattia , sia sul piano fisico che su quello psichico, come ho cercato di dimostrare ed argomentare in questo studio, diverranno molto più efficaci se si riuscirà ad integrare il grande patrimonio di conoscenze proveniente dalle grandi tradizioni sulla realtà energetica profonda dell’essere umano con i risultati ottenuti dalle scoperte scientifiche più recenti.

 

Anno Accademico 2010/2011: Approcci terapeutici basati sulle manifestazioni somatiche delle Emozioni

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Approcci terapeutici basati sulle manifestazioni somatiche delle Emozioni


Anno Accademico 2010/2011

Relatore: Luigi Piccolo

Candidata: Melpomeni Saliari


ABSTRACT

Anno Accademico 2010/2011: Approcci terapeutici basati sulle manifestazioni somatiche delle Emozioni“A coloro che mi hanno regalato il loro tempo, aiuto pratico, spirito di coraggio, informazioni dal loro lavoro e libri.
Riconoscendo il valore di essere parte di un vasto universo, tramite una piccola società, specialmente ringrazio:
Il mio tutor professor Luigi Piccolo che con la sua gentilezza mi ha incoraggiato e mi ha sostenuto per andare avanti.
Mio marito Ricardo, per il suo sostegno e pazienza per realizzare questo lavoro e come pure per la realizzazione delle figure e schemi, che ha fatto come pittore.
Mio fratello Lakis Tourtoulas che mi ha spinto col suo amore e l’esperienza di naturopatia e la sua grande esperienza in biorisonanza.
Il mio amico Nikos Roussis per l’aiuto e sostegno.
Mia madre che mi ha sempre sostenuta negli scopi progressivi.
Lo spirito di mio padre per la liberazione della scelta personale.
Meri Amorgianou e Takis Antonopoulos, per la ‘‘spinta’’ di prendere la decisione di cominciare questa facoltà.
Il mio Miltos Karavis per il suo sostegno e il regalo della sua grande esperienza e l’amica mia Arietta Karavis per il suo silenzioso sostegno.
Katerina Lazaridi per la sua preziosa collaborazione. Inoltre ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato, senza saperlo, tramite i loro libri e testi.”


L’uomo è un organismo autoregolato che riceve energia dall’ambiente, la consuma per sopravvivere, la trasforma e la restituisce verso l’ambiente, instaurando, tramite la circolazione energetica, un continuo equilibrio dinamico, entro il sistema energetico universale.


Nello stesso tempo, ogni uomo è un’unità psicosomatica che sperimenta, interiormente, i modelli psicologici e sentimentali responsabili dei suoi squilibri energetici.


Squilibri energetici e tensioni psicologiche si manifestano come blocchi energetici, sotto forma di tensioni muscolari croniche, di punti o zone della pelle con colorazione particolare, di infiammazioni e di malattie croniche.


I vissuti psicologici, che si proiettano sul corpo come blocchi energetico-funzionali, determinano il nostro comportamento, il modo in cui ci rapportiamo con gli altri e con l’ambiente, cioè le nostre modalità percettivo-reattive.


Ogni blocco della circolazione energetica richiede la nostra attenzione, sia per scoprirne le cause e sperimentare i sentimenti nascosti, sia per trovare la via d’uscita che ci potrà guidare all’ armonia ed alla salute psicosomatica. Per far ciò bisogna riuscire a sciogliere le nostre corazze invisibili e lasciar cadere le maschere che ci costringono a comportamenti imposti. Quando ciò succede siamo in grado di vivere la nostra realtà e verità, esprimerci e sperimentare la gioia di vivere.


L’equilibrio psicosomatico dipende dalle capacità omeostatiche dell’unità funzionale corpo-mente-psiche che chiamiamo ‘organismo’.
Quando tali capacità sono state perdute l’organismo non riesce a riportare nella norma le funzioni perturbate da una noxa esterna e, di conseguenza, si ammala.


La medicina non-convezionale dispone di varie tecniche capaci di ripristinare queste capacità perdute, tra cui il massaggio energetico sulle zone e sui punti di collegamento degli organi, la bioenergetica, la biorisonanza, la floriterapia di Bach, ecc.


In questo lavoro ci occuperemo dei meccanismi patogenetici, relativi all’eziologia psicogena delle malattie, nonché di alcune tecniche naturopatiche, capaci di intervenire a questo livello e ripristinare o mantenere la salute psicofisica.

 

Anno Accademico 2013/2014: La Musica dei Profumi

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

La Musica dei Profumi

Sinergia tra gli Oli Essenziali e le Note Musicali


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Prof. Claudio Bagi

Candidata: Maria Margherita Anchino


ABSTRACT


Gli oli essenziali, componenti di una parte del fitocomplesso, derivano dalla sintetizzazione dei terpeni operata dalle piante. Siti in cavità ghiandolari in specifici distretti fitoterapici, vengono liberati per azione meccanica, (varie sono le tecniche estrattive), o con il calore del sole.


Volatili, diatermici, di varia natura e cromia, sono in grado di riportare o di mantenere nell’individuo benessere psicofisico. Sinergici ed anche adattogeni, gli oli essenziali presentano differenti componenti chimici e proprietà, tra queste, quella di dialogare con la memoria olfattiva propria di ciascun individuo. Come le note musicali, anche gli oli essenziali presentano specifiche note in grado di “comunicare”con il sistema endocrino.


Sia l’aromaterapia, branca della fitoterapia, come l’aromacologia prevedono nelle loro differenti tecniche di massaggio, automassaggio, digitopressione, diffusione nell’ambiente, l’uso degli oli essenziali per riequilibrare ed armonizzare in maniera olistica l’individuo. In un kit di pronto soccorso, possono essere inclusi i seguenti dieci oli essenziali di: camomilla, eucalipto, chiodi di garofano, geranio, lavanda, limone, menta piperita, rosmarino, tea tree, timo; in quanto rivelano molteplici proprietà, tra le quali quelle cicatrizzanti, antinevralgiche, batteriostatiche.


Come da una nota olfattiva si genera un ricordo recondito, così da un’ onda sonora si propaga un’ onda emozionale in grado di comunicare all’ascoltatore sentimenti ed emozioni ad essa collegati. Il suono, da sempre considerato dall’ Uomo forza primaria generatrice di vita nell’universo, mostra un potere di guarigione psico-fisica nell’ascoltatore grazie agli armonici, i quali sono in grado di creare cambiamenti vibrazionali su organi o cellule in disequilibrio o compromessi da patologie. Come già osservato nell’antichità da Pitagora, il suono è uno strumento di guarigione fisica in grado anche di trasmettere sentimenti di collera o serenità insiti nel suono stesso.


L’onda sonora, come è stato osservato scientificamente, è autrice di fenomeni ondulatori sulla materia ed è in grado di bilanciare, riarmonizzare con determinate suoni, specifici chakra. Ogni chakra, infatti, vibra ad una determinata frequenza benefica e con un particolare vocalizzo, come evidenzia il metodo Goldman. Coniugare una determinata frequenza musicale ad una frequenza olfatttiva, vuol dire dunque creare una sinergia finalizzata al raggiungimento di uno stato di benessere, o di mantenimento della propria omeostasi.

 

Anno Accademico 2017/2018: Omeopatia in relazione con le Discipline Olistiche

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Omeopatia in relazione con le Discipline Olistiche


Anno Accademico 2017/2018

Relatore: Prof. Luciano D’Abramo

Candidato: Dott. Fabio Renzi


ABSTRACT


Si descrivono le regole ed i principi sui quali si è fondata l’Omeopatia di Hahnemann, rapportandoli secondo la medicina olistica, la totalità della persona umana, psichica, fisica, spirituale, inserita nei metodi pratici di naturopatia.


La scelta del medicamento omeopatico, in naturopatia, avviene tramite l’osservazione dei sintomi, che però non designano una malattia: la diagnosi è attuata da medici; in medicina olistica ci si può avvalere della sintomatologia senza descrivere le patologie.


I sintomi si suddividono in 5 gruppi: eziologici o cause acquisite non ereditarie, mentali, generali, locali, modalità generali. A loro volta i sintomi generali si dividono in 5 categorie: di terreno, dolore, desideri e avversioni alimentari, oggettivi, soggettivi.


Le leggi sulle quali poggia la medicina omeopatica sono 3: la similitudine, la diluizione infinitesimale, la totalità dell’individuo.

Sono leggi sia teoriche che sperimentali.

 

EnglishItalian