Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

La Casa del Benessere

Metodiche coerenti e sinergiche e materiali biocompatibili per realizzare un’abitazione sana


Anno Accademico 2014/2015

Relatore: Luigi Piccolo – Candidata: Anna Bile


ABSTRACT


Questa tesi si rivolge a coloro che, dovendo costruire o ristrutturare la propria casa o anche solo dovendo arredare un appartamento, desiderano realizzare uno spazio piacevole, sano, che non danneggi la salute e, anzi, aiuti a stare sempre meglio.


Da qualche anno l’attenzione verso l’ambiente e lo sviluppo dell’ecologia han­no portato a una nuova coscienza del benessere quotidiano. Ci si è accorti che uno degli elementi che maggiormente influiscono sulla salute fisica e mentale è il nostro ambiente, quello più immediato, gli spazi che più frequentiamo e nei quali passiamo la maggior parte del tempo: la casa, l’ufficio, ecc.


Nei nostri luoghi la qualità di vita è solitamente scarsa: l’illuminazione, l’aria che respiriamo, i materiali con cui veniamo a contatto, i suoni, i colori, la for­ma stessa dello spazio creano spesso ambienti nocivi che raramente rispetta­no le nostre esigenze più elementari e basilari.


Nel resto d’Europa già da molti anni si fanno ricerche che in Italia hanno pre­so il nome di bioarchitettura o di architettura ecologica e, strumenti alla ma­no, hanno dimostrato che il nostro attuale modo di abitare e le nostre stesse case, per come sono costruite, sono spesso causa di disturbi e di malesseri che non hanno apparenti ragioni ma cause che si nascondono, letteralmente, fra i muri.


Nella casa, complice il nostro attuale sistema di vita, si creano microclimi a volte molto lontani dalle caratteristiche biologiche di cui avremmo bisogno. Una maggiore consapevolezza del nostro spazio può portarci a un nuovo sta­to di armonia e salute.


Questa tesi tocca tutti i temi principali dell’abitare naturale e sano; è un valido ag­giornamento e promemoria per chi già conosce gli argomenti e anche il medico attento vi potrà trovare un aiuto per le sue diagnosi. Il lavoro è suddiviso in due parti: una prima parte introduttiva è di analisi del concetto di casa “malata” , una seconda parte più pratica e descrittiva di alcune metodiche e materiali per realizzare invece la casa “sana”.