• Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia
  • Framens - Scuola di Naturopatia

Anno Accademico 2013/2014: il Naturopata Olistico

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Il Naturopata Olistico

 

 


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Luigi Piccolo – Candidata: Luana Di Francesco


ABSTRACT


Questo mio lavoro inizia introducendo la tematica relativa ai quattro corpi che il bravo Naturopata deve tenere in considerazione se vuole davvero aiutare il paziente. Segue poi una breve argomentazione dell’alimentazione e della sua importanza per evitare di incorrere in patologie oggi molto diffuse come le intolleranze alimentari e le allergie. Una breve panoramica poi viene fatta circa i metodi diagnostici a disposizione del Naturopata per rilevare le intolleranze alimentari. In tutto questo, viene anche considerata la postura che se scorretta può dar luogo a vari disturbi, le emozioni e l’autostima.


Un piccolo approfondimento sulla ginnastica propriocettiva, rende l’idea dell’importanza di un certo tipo di attività fisica non solo per la cura ma anche per la prevenzione.


Il II Capitolo ha come tema centrale l’energia, i pensieri, le emozioni e le varie pratiche mediche, da Couè sino a Patch Adams.


Nel III Capitolo viene portato ad esempio il caso dell’atleta olimpionico e da questo vengono trattate le malattie karmatiche, i mezzi per affrontarle e le malattie dovute a cause spirituali. Successivamente viene affrontato il tema delicato delle sppa – personalità psicoattive.


Nel V Capitolo, partendo da un caso di scoliosi viene affrontata l’importanza della ginnastica posturale come metodo di prevenzione e cura. Infine, seguono la storia della Riflessologia attraverso la quale si può agire sugli organi interni e il Reiki come metodo per lavorare sull’energia della persona.


Ho scelto queste argomentazioni poiché lavorando, rappresentano per me pane quotidiano e infatti, non a caso, riporto esempi pratici dovuti alla mia personale esperienza.


Svolgo con passione questo lavoro e se da un lato devo scontrarmi con lo scetticismo di alcune persone, dall’altro, grazie ai risultati ottenuti sui miei pazienti, ricevo manifestazioni di affetto e gratitudine per il lavoro svolto.


Tutto questo, mi spinge ad andare sempre oltre, a cercare, a perfezionare il mio metodo, ad essere sempre aggiornata e aperta alle novità poiché io credo in quello che faccio, e questo è molto importante.

 

Anno Accademico 2013/2014: La Musica dei Profumi

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

La Musica dei Profumi

Sinergia tra gli Oli Essenziali e le Note Musicali


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Prof. Claudio Bagi

Candidata: Maria Margherita Anchino


ABSTRACT


Gli oli essenziali, componenti di una parte del fitocomplesso, derivano dalla sintetizzazione dei terpeni operata dalle piante. Siti in cavità ghiandolari in specifici distretti fitoterapici, vengono liberati per azione meccanica, (varie sono le tecniche estrattive), o con il calore del sole.


Volatili, diatermici, di varia natura e cromia, sono in grado di riportare o di mantenere nell’individuo benessere psicofisico. Sinergici ed anche adattogeni, gli oli essenziali presentano differenti componenti chimici e proprietà, tra queste, quella di dialogare con la memoria olfattiva propria di ciascun individuo. Come le note musicali, anche gli oli essenziali presentano specifiche note in grado di “comunicare”con il sistema endocrino.


Sia l’aromaterapia, branca della fitoterapia, come l’aromacologia prevedono nelle loro differenti tecniche di massaggio, automassaggio, digitopressione, diffusione nell’ambiente, l’uso degli oli essenziali per riequilibrare ed armonizzare in maniera olistica l’individuo. In un kit di pronto soccorso, possono essere inclusi i seguenti dieci oli essenziali di: camomilla, eucalipto, chiodi di garofano, geranio, lavanda, limone, menta piperita, rosmarino, tea tree, timo; in quanto rivelano molteplici proprietà, tra le quali quelle cicatrizzanti, antinevralgiche, batteriostatiche.


Come da una nota olfattiva si genera un ricordo recondito, così da un’ onda sonora si propaga un’ onda emozionale in grado di comunicare all’ascoltatore sentimenti ed emozioni ad essa collegati. Il suono, da sempre considerato dall’ Uomo forza primaria generatrice di vita nell’universo, mostra un potere di guarigione psico-fisica nell’ascoltatore grazie agli armonici, i quali sono in grado di creare cambiamenti vibrazionali su organi o cellule in disequilibrio o compromessi da patologie. Come già osservato nell’antichità da Pitagora, il suono è uno strumento di guarigione fisica in grado anche di trasmettere sentimenti di collera o serenità insiti nel suono stesso.


L’onda sonora, come è stato osservato scientificamente, è autrice di fenomeni ondulatori sulla materia ed è in grado di bilanciare, riarmonizzare con determinate suoni, specifici chakra. Ogni chakra, infatti, vibra ad una determinata frequenza benefica e con un particolare vocalizzo, come evidenzia il metodo Goldman. Coniugare una determinata frequenza musicale ad una frequenza olfatttiva, vuol dire dunque creare una sinergia finalizzata al raggiungimento di uno stato di benessere, o di mantenimento della propria omeostasi.

 

Anno Accademico 2013/2014: Il Dolore Inutile

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Il Dolore Inutile

Contributo dalla Naturopatia nel trattamento del dolore cronico


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Prof. Claudio Biagi

Candidata: Giuseppina Sgarra


ABSTRACT


Nel presente lavoro di tesi si affronta il fenomeno del dolore come problema medico, come problema sociale, ma soprattutto come problema umano.


Partendo da un’analisi approfondita dell’anatomia e della fisiologia del dolore è possibile mettere in evidenza la doppia faccia della genesi del dolore, fisico-sensoriale e psico-emotiva. Il dolore ha doppia valenza anche nella sua funzione: dolore sintomo, utile e buono e dolore cronico, inutile e cattivo.


Pur essendo il dolore un’esperienza personale e soggettiva, esistono classificazioni effettuate in base alla sua origine, durata e intensità.


Nell’ultima parte del lavoro si affronta il problema del dolore cronico particolarmente come problema umano, a causa della suo impatto fortemente negativo sulla qualità di vita di chi ne è afflitto. Si propongono quindi terapie che agiscano nel rispetto dell’individuo non come malato da guarire ma come persona da curare.

 

Anno Accademico 2013/2014: Yoga funzionale

Tesi per il Diploma:
Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Yoga Funzionale

Tecniche e rimedi per l’ottimizzazione della pratica


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Marina Marini

Candidata: Andrea Pons


ABSTRACT

Questa tesi vuole essere un viaggio dall’interno all’esterno del corpo umano, un viaggio che va da oriente ad occidente, un viaggio che va dalla pratica yoga sul tappetino alla raccolta delle piante mediche sull’Appennino.

Sono state quindi analizzate le possibili interazioni tra le tecniche derivanti dall’attività posturale, i rimedi dell’erboristeria salutare e la loro applicazione al servizio della pratica dell’Hatha yoga al fine dell’ottimizzazione della stessa.

 

Anno Accademico 2013/2014: Biofisica Cellulare e Asse PNEI

Tesi per il Diploma: Scuola di Naturopatia online FRAMENS

Biofisica Cellulare e Asse PNEI

Come le emozioni controllano i nostri geni


Anno Accademico 2013/2014

Relatore: Prof. Claudio Biagi

Candidata: Rossella Zagami


ABSTRACT

Finora abbiamo creduto di essere vittime dei nostri geni: eravamo convinti che il nostro patrimonio genetico determinava la nostra vita.

In questa tesi è illustrato in maniera chiara e semplice e, al tempo stesso, scientifico e autorevole, come le scoperte inoppugnabili dell’ultimo secolo dimostrano invece che i geni stessi sono controllati dalle nostre percezioni dell’ambiente che ci circonda!


Questa scoperta restituisce all’umanità un grande potere tra cui la capacità di guarire se stessi e ci libera dal destino beffardo di doverci ammalare delle malattie dei nostri avi.


Viene dimostrato come ognuno di noi ha quindi le potenzialità per creare una vita piena di felicità e amore.


Non più vittime ma creatori!

 

EnglishItalian